Acquisizione forense delle prove su Internet

Web Forensics è una soluzione SaaS (Software as a Service) proprietaria per l’acquisizione di pagine web da produrre come prove nei giudizi, rispettando le best practice internazionali dell’informatica forense, ovvero lo standard ISO/IEC 27037:2012. È distribuita agli avvocati italiani da Giuffrè Francis Lefebvre, primario editore legale appartenente al Gruppo Lefebvre Sarrut.

Caratteristiche

Web Forensics permette di acquisire con valore legale lo stato di una o più pagine web di interesse così da poter dimostrare in giudizio il contenuto di tali pagine web in un preciso istante.

La soluzione mette a disposizione un ambiente sicuro e forense composto da un browser web, diverse console di log e un’applicazione che “confeziona” la prova digitale e la conserva in cloud. Potrà essere effettuata una navigazione identica a quella svolta normalmente, con la differenza che tale navigazione, assieme alla documentazione tecnica prodotta, è da ritenersi conforme ai principali standard internazionali di informatica forense.

Workflow Web Forensics

Come risultato produce un pacchetto probatorio autoconsistente, chiamato pacchetto di evidenza forense. Alla prova digitale deve essere collegata una relazione tecnica contenente informazioni puntuali circa la metodologia di acquisizione e ulteriori dettagli tecnici a supporto della verificabilità del processo complessivo.

Pacchetto di evidenza forense

Il pacchetto di evidenza forense contiene la registrazione audio/video dell’intera navigazione, gli screenshot e download effettuati, il traffico di rete generato, le chiavi SSL/TLS (Secure Sockets Layer/Transport Layer Security), alcuni file di log a supporto della verificabilità del processo complessivo e un file XML riepilogativo contenente le impronte digitali di tutti i file precedenti.

Relazione tecnica

La relazione tecnica è un documento che contiene tutte le informazioni relative al procedimento messo in atto per acquisire la prova digitale. Tale documento risponde ai criteri di verificabilità dei processi richiesti dallo standard ISO/IEC 27037:2012 ed è producibile in giudizio assieme al pacchetto di evidenza forense. Il pacchetto di evidenza forense e la relazione tecnica compongono la prova digitale.

Quali tipologie di contenuti è possibile acquisire?

Post

Articoli

Foto

Video

Chat

Email

File

Post

Articoli

Foto

Video

Chat

Email

File

Per quali fattispecie può essere necessaria l’acquisizione forense di pagine web?

Persone

  • Bullismo
  • Diffamazione
  • Diritto all’oblio
  • Furto d’identità
  • Hate speech
  • Infedeltà coniugale
  • Revenge porn
  • Sexting
  • Stalking

Aziende

  • Crisi reputazionale
  • Diffamazione
  • Furto di segreti industriali
  • Infedeltà dei dipendenti
  • Violazione del diritto d’autore
  • Violazione di brevetti
  • Violazione di marchi
  • Violazione di modelli di utilità

Quali sono le principali piattaforme supportate da Web Forensics?

Amazon

eBay

Facebook

Gmail

Instagram

Messenger

TikTok

Twitch

Twitter

WhatsApp Web

Yahoo Mail

YouTube

CLIENTI

Bending Spoons
Chiara Ferragni
Giuffrè Francis Lefebvre
il sole 24 ore
Leonardo
Mediaset
Medusa
SIAE
Sky
Wolters Kluwer

Prezzi

Acquisizione forense
eseguita dall’utente

A partire da

75 €

+ IVA/acquisizione forense

Acquista

Acquisizione forense
gestita da un perito

A partire da

500 €

+ IVA/acquisizione forense

Richiedi un preventivo

La prova digitale

Acquista il volume “La prova digitale”, edito da Giuffrè Francis Lefebvre e curato dai soci fondatori di Kopjra. Tra le numerose tematiche, affronta anche lo standard ISO/IEC 27037:2012 e l’acquisizione forense di pagine web.

Acquista il volume

APPROFONDIMENTI

Il riferimento normativo principale è la legge 18 marzo 2008, n. 48, di ratifica della Convenzione sul Cybercrime di Budapest, con cui è stato stabilito che le attività che prevedono l’acquisizione di prove digitali devono essere disposte mediante metodologie e tecniche idonee ad assicurare autenticità, integrità e non ripudio, così da garantire il valore probatorio dei dati e fatti dimostrati.

Oltre al disposto normativo di cui sopra, dal 15 ottobre 2012 l’ISO (International Organization for Standardization) ha varato la prima edizione dello standard ISO/IEC 27037:2012Guidelines for identification, collection, acquisition and preservation of digital evidence”, che definisce le linee guida per l’identificazione, raccolta, acquisizione e conservazione delle prove digitali. Tale standard internazionale di informatica forense costituisce il primo compendio di regole metodologiche e tecniche da seguire nella prassi forense a prescindere dal contesto giuridico.

Secondo lo standard ISO/IEC 27037:2012 è necessario produrre in giudizio un pacchetto di evidenza forense contenente la prova del fatto che i contenuti visualizzati durante la navigazione fossero online a una certa data e ora, garantendo la provenienza di tali contenuti e la loro integrità. Al file XML riepilogativo, che contiene le impronte digitali di tutti i file inclusi nel pacchetto di evidenza forense, sono apposte una marca temporale qualificata e una firma digitale di Kopjra, erogate da un certificatore accreditato, così da garantire data certa e integrità della prova digitale.